Home Stile di vita 15 marchi di abbigliamento più famosi

15 marchi di abbigliamento più famosi

0
15 marchi di abbigliamento più famosi
clothing on hanger at the modern shop boutique

L’abbigliamento è il settore in cui le persone investono vere fortune, con la maggior facilità, poiché i vestiti sono considerati l’immagine della nostra personalità. Ecco i 15 brand di abbigliamento più famosi al mondo:

Gucci

Gucci

Tutto è cominciato nel 1881, con la nascita di Guccio Gucci, il fondatore di questo gigante della moda. Proveniente da una famiglia di artigiani, in adolescenza si trasferì a Parigi e poi a Londra, lavorando come coordinatore del ristorante dell’Hotel Savoy. Vivendo in una delle città più cosmopolite al mondo, Guccio ha osservato e assimilato diverse culture, idee, stili e ha imparato sull’estetica della sofisticazione. Quando tornò in Italia, nel 1920, Guccio aprì il suo primo negozio Gucci a Firenze, con un capitale di 30.000 lire.

Il primo successo del negozio Gucci è arrivato con le creazioni artigianali in pelle e gli accessori per la sella del cavallo. All’inizio degli anni ’90, i designer decisero di rivalutare i valori della famiglia Gucci, ovvero l’artigianato in pelle.

Gli anni ’60 hanno segnato l’esplosione dello “status symbol”, e Gucci e Florentine Pucci sono stati tra i primi marchi italiani di prestigio internazionale. La produzione dei prodotti Gucci ha visto una crescita impressionante con l’apertura di una enorme fabbrica alla periferia di Firenze. Nello stesso periodo, Gucci ha subito una caduta nelle vendite, ma ciò non ha scoraggiato Maurizio – figlio di Rodolfo Gucci – ad accettare il ruolo di CEO del marchio nel 1989.

Oggi, Gucci non appartiene più alla famiglia Gucci, ma la tradizione è rimasta immutata. Hanno mantenuto lo stesso stile di lavoro, le stesse aspettative, la stessa eleganza – tutte raccolte sotto l’etichetta “Made in Italy”. Gucci si è evoluto, ha lanciato collezioni per gusti diversi – di recente ha concluso una partnership con Dapper Dan – ma ciò che conta di più è che il motto rimane lo stesso: “La qualità rimane a lungo dopo che il prezzo è stato dimenticato”.

Louis Vuitton

Louis Vuitton Malletier, abbreviato come “LV”, è un marchio francese di lusso che produce beni in pelle. La storia del marchio inizia nel XIX secolo, nel 1854, quando era in origine un’azienda produttrice di bauli da viaggio e valigie. LV si è espanso all’inizio del secolo scorso, distribuendo i suoi prodotti in molte località e ottenendo successi su successi. Solo negli anni ’50 ha integrato la “firma” notoriamente conosciuta nei suoi prodotti, consistente nell’aspetto del papiro della pelle utilizzata e del monogramma “LV”. Tra le celebrità storiche che partivano in viaggio solo con valigie Louis Vuitton si annoverano l’esploratore Pierre Savorgnan de Brazza e il direttore d’orchestra americano Leopold Stokowski.

Nel 1872, Vuitton sostituì il grano Trianon con le strisce bianche e rosse, per poi sfumare un po’ in marrone e beige nel 1876. La combinazione era conosciuta dai francesi come Rayée. Piaceva alle persone ricche e, senza accorgersene, Vuitton si aggiudicò il titolo di marchio del lusso.

La fusione con Moët-Hennessy (produttore di bevande alcoliche) nel 1987 ha trasformato Louis Vuitton in un enorme conglomerato di lusso.

La qualità e l’utilità non sono più garanzie di successo nell’epoca e nella nostra società. Come ci si aspetterebbe da un esperto di viaggi, Louis Vuitton non ha perso neanche questo treno, imbarcandosi in una nuova fase. Anche se le valigie e i bauli da viaggio rimangono la spina dorsale del marchio, l’offerta si è diversificata per stare al passo con i tempi. Le borse sono disponibili oggi in tutte le forme e dimensioni (un progresso reso possibile anche dai progressi nella lavorazione delle pelli). Oltre agli oggetti classici da viaggio, Louis Vuitton produce portafogli, borse per laptop e per cani, scatole per gioielli e cosmetici, scatole per cappelli, borse per il golf e per i pannolini.

Fendi

Fendi

A Roma, nel 1925, l’anno in cui il marchio Fendi cominciò a essere un motivo di orgoglio per la città nella moda di tutto il mondo.

Tutto ebbe inizio con Adele Casagrande e suo marito Edoardo Fendi, che aprirono un laboratorio di pellicceria nel centro della città. I coniugi Fendi avevano cinque figlie (Paola, Anna, Franca, Carla e Alda), che in seguito presero il controllo della casa di moda, impegnandosi nel progetto fin da quando avevano 15 anni. Tuttavia, sono riuscite a cambiare e ad elevare il marchio con l’aiuto di Karl Lagerfeld, che è stato il designer della casa di moda per mezzo secolo.

Versace

Il brand Versace è considerato giustamente l’incarnazione del lusso, della sensualità e della sessualità. Fondato in Italia nel 1978 dai fratelli Gianni e Santo Versace, il marchio ha rapidamente acquisito fama mondiale.

Il “padre” del marchio – Gianni, sin dall’istituzione dell’azienda, ha iniziato a lavorare alla creazione di una collezione, mentre Santo si occupava della parte finanziaria. In breve tempo, la loro sorella Donatella si è unita all’azienda di famiglia, responsabile dell’immagine della casa di moda. Dopo l’omicidio di Gianni nel 1997, gli indicatori economici dell’azienda sono notevolmente diminuiti. Tuttavia, Donatella è riuscita in pochi anni a superare le difficoltà e a far uscire l’azienda dalla crisi, mantenendo lo spirito del marchio.

Oggi, Versace è il marchio preferito dalle persone ricche che apprezzano la moda. Tra i sostenitori di questo marchio ci sono star come Madonna, Angelina Jolie, Lady Gaga, Jennifer Lopez, Uma Thurman, Bruce Willis, Elton John e molti altri.

I capi di abbigliamento provocanti vanno di pari passo con l’eleganza per questo marchio, e questo approccio è stato estremamente familiare per i fratelli del designer, Donatella e Santo Versace, che fin dall’inizio hanno contribuito alla visione di questo marchio. Uno si è concentrato su pubblicità sontuose e l’altro sulla gestione di questo impero. Dopo la tragica perdita di Gianni nel 1997, Donatella ha assunto la guida. Come vicepresidente del comitato e direttore creativo, la dea della moda supervisiona ogni collezione sotto il marchio di Gianni Versace: Atelier Versace, Versace Couture, Versace Sports, Versace Home Collection, Versace Jeans Couture, Versace Collection, Young Versace e Versus, guidando il marchio in una nuova era. Donatella mantiene vivo lo spirito di Versace espandendo i confini del marchio con una linea di cosmetici e una di gioielli, insieme a Palazzo Versace, il primo hotel a sei stelle Versace.

Dolce & Gabanna

Attraverso il loro lavoro, i designer Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno creato un mondo ricco di tradizioni e cultura, con un carattere molto mediterraneo. Il marchio è noto per il suo fascino unico e lo stile distintivo.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana, stilisti e fondatori del marchio Dolce & Gabbana, hanno creato un concetto indimenticabile nella storia della moda. La loro immagine, che richiama l’identità culturale radicata in Sicilia e lo spirito mediterraneo, ha decretato la diffusione internazionale di un messaggio “glocale” nel mondo della moda, legato ai miti xenofili.

La loro musa non convenzionale, che loro definiscono “sudista sexy”, riconoscente al glamour di Anna Magnani e di Sofia Loren e simbolo di un nuovo concetto di “Dolce Vita”, seduce gli uomini vestita in abiti aderenti e corsetti neri o colorati come “Malèna” di Tornatore, con calze scure, camicie in raso, reggiseni push-up, giacche e canottiere. Il loro punto di forza: lo styling. Domenico Dolce è nato a Polizzi Generosa (Palermo) e ha lavorato sin da bambino nella sartoria del padre. 

Stefano Gabbana ha studiato moda all’Istituto Marangoni di Milano. Qui i due si sono incontrati per la prima volta nel 1981. Nel 1984 hanno aperto un Atelier con le loro forze. Nel 1985 Beppe Modenese li ha invitati a partecipare alla sezione Giovani Talenti di Milano Collezioni. 

Da qui, la loro ascesa è stata costante grazie alle campagne pubblicitarie ad alto impatto erotico spesso ispirate all’estetica neorealista e realizzate da fotografi come Ferdinando Scianna, Fabrizio Ferri, Steven Meisel, Peter Lindbergh e Helmut Newton. Nel 1990 è stata creata la prima collezione per uomo, ispirata ai “picciotti” del Sud e a Marcello Mastroianni. Con la capacità di rimanere costantemente attraenti per i giovani di tutto il mondo e di ispirarsi a loro, il marchio Dolce & Gabbana è diventato un pilastro principale per le più grandi star del cinema, della musica e della celebrità. Tutte le collezioni di abbigliamento, calzature e accessori del brand presentano una grande attenzione ai dettagli.

Chanel

Chanel

La maison de mode Chanel s’est fait un nom en abattant les barrières. Mais près d’un siècle depuis que Coco a libéré les femmes de leur corset, Chanel est devenu synonyme d’élégance. Coco Chanel a réussi à construire un empire à une époque où les femmes n’avaient même pas le droit de travailler.

Un empire qui vaut aujourd’hui des milliards de dollars. Ainsi peut être défini, brièvement et simplement, l’héritage laissé par l’incomparable Coco Chanel. La maison Chanel a traversé deux guerres mondiales, des crises et des récessions, la mondialisation et la concurrence des répliques bon marché des usines asiatiques. Tout cela sur l’un des fronts les plus difficiles et imprévisibles du monde : la mode féminine. Leur marque reste cependant l’une des plus puissantes, connues, respectées et fiables au monde. Leurs produits, qu’il s’agisse de vêtements, de parfums ou d’accessoires, sont parmi les plus convoités sur le marché mondial du luxe. Même les répliques « bon marché » portant le logo formé des deux « C » ne sont pas du tout bon marché.

Le nom de Coco, qui lui est resté toute sa vie, lui a été attribué à l’époque où elle gagnait sa vie en chantant dans un café-théâtre à Moulins. Toute biographie sur sa vie inclura sans aucun doute des histoires sur ses aventures avec des aristocrates, des hommes d’affaires riches, des artistes et des officiers de haut rang. Mais la seule histoire d’amour parmi toutes ces aventures est celle avec ses créations. Elle a refusé plusieurs demandes en mariage – en fait, elle n’a jamais été mariée – pour pouvoir se concentrer sur son travail. Elle a reconnu qu’elle avait été mise au pied du mur, obligée de choisir entre les hommes et ses « robes ». Le choix qu’elle a fait est évident. Elle est le seul créateur de mode à avoir été introduit par le magazine « Time » dans le classement des personnalités les plus influentes du XXe siècle. « Chanel a inventé le XXe siècle pour les femmes », disait Diana Vreeland, une figure marquante de la mode et rédactrice en chef de l’édition américaine du magazine « Vogue ». Certains la décrivent comme une tyrannique qui n’acceptait aucun compromis. Picasso, ami proche de la créatrice de mode, a déclaré qu’elle était la femme la plus rationnelle au monde.

Prada

Prada a dicté la façon dont les femmes s’habillaient dans les années 90. La décision de la maison de mode d’adopter un style utilitaire, cette esthétique dite « de ceux qui travaillent », était unique parmi les stratégies des grandes maisons de mode. C’était cependant la clé du succès pour Prada. Les femmes occupant des postes élevés se sont identifiées à ce style, et la popularité de la marque italienne a atteint des sommets. « Le plus grand don de Prada est l’extraordinaire capacité à prévoir les changements culturels », écrit « Vogue ».

Tuttavia, l’innovazione è stata ciò che ha spinto avanti la casa di moda, anche quando le vendite erano in calo e il marchio italiano sembrava in pericolo. “Abbiamo sempre creduto nella creazione di cose nuove e nell’uso di materiali nuovi, che non abbiamo mai usato prima o che non abbiamo usato per un lungo periodo”, ha dichiarato Miuccia Prada, la donna a cui si deve il fatto che il marchio esista ancora.

Tuttavia, l’innovazione è stata temperata da una dose ben calibrata di influenze retrò. Miuccia Prada e sua madre, Luisa Prada (da cui ha ereditato l’impero della moda), non gettavano via i loro vestiti vecchi, scegliendo di combinarli con elementi nuovi. Ora, la casa di moda fondata a Milano nel 1913 ha vendite di milioni di euro. Nel primo semestre di quest’anno, l’utile dell’azienda si è attestato a 150,7 milioni di euro, mentre la sua quotazione in borsa a Hong Kong ha portato all’azienda 2,14 miliardi di dollari.

Armani

Armani

Giorgio è nato l’11 luglio 1934 nella città industriale di Piacenza, nel nord Italia. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la regione è stata frequentemente bombardata e, dopo essere stato ferito in un attacco del genere, Giorgio è stato costretto a trascorrere 40 giorni in ospedale. L’episodio lo ha spinto a desiderare una carriera da medico. La famiglia Armani si è trasferita a Milano nel 1949, dove Giorgio ha studiato medicina per due anni prima di essere arruolato. Nemmeno questo gli ha fatto deviare dal percorso scelto. Nell’esercito ha lavorato in un ospedale militare. Poi, nel 1957, improvvisamente e contro la sorpresa della sua famiglia, il giovane ha abbandonato la medicina per lavorare nel dipartimento degli acquisti del grande magazzino La Rinascente, uno dei punti caldi della moda milanese. Ha mantenuto questa posizione per sette anni, imparando a memoria tutti i fornitori, sarti e tessuti, facendosi strada nei backstage di un’industria in cui sarebbe presto diventato un nome importante. Poi, nel 1964, ha iniziato a lavorare come designer per la compagnia Hitman, di proprietà del magnate d’affari e famoso stilista Nino Cerutti. Quattro anni dopo ha abbandonato il contratto e ha iniziato a lavorare come libero professionista.

Per la casa di moda italiana, l’innovazione non è un obiettivo, ma un mezzo per raggiungere l’unico obiettivo che conta: la perfezione. In un mondo innamorato del “temporaneo”, la corsa al “perenne” può costarti caro. La casa di moda italiana Giorgio Armani sfida però ogni strategia “manuale” in materia di moda e resiste da quasi quattro decenni in cima alla lista “must-have”. Con una determinazione da medico e una visione industriale, l’italiano che dà il nome alla casa di moda ha costruito un impero. E, come impariamo prima o poi, nulla è casuale.

L’olfatto per gli affari del designer ha sorpreso molti. In soli sei anni, le vendite di Emporio Armani sono passate da 75 milioni di dollari a 209 milioni di dollari. All’inizio degli anni ’90, la casa Armani aveva vendite per 1,6 miliardi di dollari, entrate di 482 milioni di dollari e un utile netto di 54,2 milioni di dollari. I risultati sono stati attribuiti a due fattori: l’attenzione (ossessione, si potrebbe dire) del designer per i dettagli e il team di consulenti.

Dior

Nato nella città di Granville, sulla costa della Normandia, nel 1905, era il figlio di un produttore di fertilizzanti ed era uno dei cinque figli della famiglia. All’età di 5 anni si trasferì con la famiglia a Parigi. Nonostante i genitori sperassero che diventasse un diplomatico, Christian era sempre stato inclinato verso l’arte e aveva iniziato a vendere i suoi primi schizzi per strada per guadagnare qualche soldo. Dopo aver terminato la scuola, prese in carico una piccola galleria d’arte che suo padre aveva acquistato per lui, dove insieme a un amico vendevano le opere di artisti, tra cui Pablo Picasso, secondo Vogue.

Dopo la Grande Crisi del 1929, la morte della madre e del fratello, ma anche la caduta dell’attività del padre, costrinsero Christian a chiudere la sua galleria d’arte. Successivamente lavorò con il designer di moda Robert Piguet fino a quando non fu arruolato nel servizio militare nel 1940. Dopo due anni di servizio militare, tornò e iniziò a lavorare per il sarto Lucien Lelong, dove insieme a Pierre Balmain erano i principali designer. Durante la guerra, Lelong, come altri atelier francesi, come Jeanne Lanvin e Nina Ricci, vestivano le mogli degli ufficiali nazisti e dei collaboratori francesi come modo per mantenere l’industria della moda durante i conflitti economici.

Fondò la casa di moda Christian Dior il 16 dicembre 1946 a Parigi, sostenuto da Marcel Boussac, magnate del cotone. Ufficialmente, la casa Dior considera il 1947 l’anno della sua fondazione, poiché fu quando Christian presentò la sua prima collezione.

Dopo un anno di successo, Dior aprì una boutique di lusso a New York e, contemporaneamente, lanciò Dior Parfums, con Miss Dior come primo profumo presentato e Diorama che seguì un anno dopo.

Nel 1955, Yves Saint Laurent, all’età di 19 anni, divenne il suo allievo. Due anni dopo, Christian incontrò la madre di Saint Laurent, Lucienne Mathieu-Saint Laurent, per dirle che aveva scelto Saint Laurent per succedergli alla Dior. Lei disse allora che era confusa da questa idea perché Christian aveva solo 52 anni. Poco dopo questo incontro, Christian Dior morì di un attacco cardiaco fatale il 24 ottobre 1957, lasciando la casa di moda in disastro. Più di 2.500 persone parteciparono al suo funerale, che fu un giorno di lutto per il mondo della moda.

Burberry

Burberry

Tutto ha inizio nel 1856 quando Thomas Burberry apre il suo primo negozio di abbigliamento a Basingstoke, Hampshire. Alla ricerca costante della stoffa perfetta per le sue creazioni, ha inventato un tessuto che ha rivoluzionato il settore: la “gabardine”. Questo tessuto impermeabile e resistente all’acqua lo ha reso famoso e ha contribuito al suo successo che gli ha permesso di aprire il suo primo negozio di lusso a Londra nel 1891. Nel corso della seconda guerra mondiale, Thomas Burberry ha ricevuto ordini insoliti per una casa di moda di lusso dalle Forze Aeree Reali Britanniche. Ha prodotto in serie i trench per gli ufficiali. Nel 1901, ha ricevuto un ordine speciale dal Ministero della Difesa per creare l’uniforme completa per gli ufficiali britannici.

Oggi, “Burberry” promuove due linee di abbigliamento: “Burberry Prorsum” e “Thomas Burberry”.

“Burberry Prorsum” presenta modelli sperimentali di lusso venduti a Milano. Capo d’abbigliamento che solo le persone dell’alta società possono permettersi. Alla base di questo, c’è la classica linea “Burberry London”, che rappresenta il biglietto da visita del marchio, che propone jeans, maglioni, magliette, scarpe, borse, ecc.

“Thomas Burberry” presenta con successo una linea di abbigliamento per bambini e adolescenti. Inoltre, orologi, occhiali, accessori e profumi.

Nel 2006, “Burberry” ha festeggiato i 150 anni dalla sua fondazione e il successo di questa casa di moda durerà sicuramente ancora per molti anni. Attualmente è classificato nella top 100 dei marchi più apprezzati e venduti al mondo.

Stella McCartney

Stella è nata nel 1971, poco dopo la separazione dei Beatles. Ha trascorso la sua infanzia in una fattoria biologica a Sussex, dove, insieme alla sua famiglia, allevava pecore, cavalca e coltivava verdure. Ha frequentato le scuole pubbliche insieme alle sue sorelle. Il miglior consiglio che ha ricevuto dai suoi genitori è stato quello di trattare gli altri come se fossero lei stessa.

Stella McCartney ha testato il veleno della moda fin dall’inizio. Nel 1995, ha reclutato Naomi Campbell e Kate Moss per la sfilata di laurea al Saint Martin’s College di Londra, diventando un nome nell’industria. Paul McCartney ha contribuito alla colonna sonora della collezione con la canzone “Stella May Day”, la sfilata è diventata notizia di prima pagina e la collezione è stata un successo. Ma come qualsiasi successo personale, ha portato disappunto ad altri, e McCartney è stata contestata fin dal suo primo successo.

Nel 1997, a 26 anni, è diventata direttore creativo della casa di moda Chloé, suscitando malcontento tra i suoi colleghi. Karl Lagerfeld ha disapprovato la decisione della direzione della casa di moda, sostenendo che McCartney non sarebbe stata la scelta giusta. “Chloé doveva scegliere un grande nome. Hanno scelto, ma uno della musica, non della moda. Speriamo che sia altrettanto talentuosa come suo padre”, ha detto Lagerfeld all’epoca. Senza reagire con dichiarazioni, Stella McCartney ha fatto ciò che sa fare meglio e ha dimostrato a tutti gli scettici che la sua scelta di Chloé era meritata. Sotto la sua guida, la casa di moda è diventata uno dei marchi più ricercati di Parigi, e poi del mondo, senza ricorrere ad artifici di design, ma dimostrando di sapere e capire cosa vogliono le donne indossare.

Per Stella McCartney non ci sono stati momenti di gloria assoluta, ma una evoluzione incontestabile, sicura e corretta. È diventata uno dei marchi più desiderati al mondo, grazie al design pulito che promuove. Nel 2003 ha lanciato il suo profumo, “Stella”, e nel 2005 è diventata il secondo designer a creare una collezione per H&M, dopo Karl Lagerfeld. Il vestito da sposa di Madonna al matrimonio con Guy Ritchie è stato firmato da McCartney, così come tutti i vestiti indossati da Annie Lenox nel tour del 2004. La sua collaborazione di successo con l’azienda Adidas è stata ripresa quest’anno, quando McCartney è diventata la designer delle uniformi indossate dagli atleti britannici.

Moncler

Moncler de brand este familiar pentru oricine care iubeste muntii si haine confortabile. Numele de marca este derivat din Monestier de Clermont – oras, situat in apropiere de Grenoble, in care, in 1952 René Ramiyon a fondat brandul, care a devenit una dintre cele mai bine cunoscut printre producatorii de imbracaminte exterioara. Ramiyon a fost unul dintre cei mai faimosi producatori de echipamente de munte schi din Grenoble. Pe cont Ramiyona au fost de aproximativ o duzina de brevete asociate cu activitati de iarna activa. Istoria fundatiei de brand merge inapoi la 1933, in care Rene a stabilit compania sa mica specializata in fabricarea de componente metalice pentru sport, unul dintre produsele companiei includ bete de schi, legaturi si cort. Produse de inalta calitate si preturi atractive au ajutat Rene pentru a obtine un contract cu armata franceza in fabricarea de legaturi de schi.

incepand cu 1939, in timpul al doilea razboi mondial, compania a fost confrunta cu o criza grava asociata cu lipsa de comenzi si rezilierea contractului cu armata. Acesta a fost in aceasta perioada dificila, Rene Ramiyon intalnit Lionel Terre – o figura-cheie al brandului Moncler.

Prima persoana care conduce un brand Montclair, a fost André Vincent – cel mai bun prieten Ramiyona. Agilitatea si o inclinatie pentru afaceri a ajutat Andre trezi din fabrica de vis Ramiyona: vanzari au crescut, produsele Moncler au devenit populare din nou. Un factor care a ajutat compania recupera de criza, a fost popularizarea odihna activa. Un numar foarte mare de motorete si motociclete mici, masini mici ieftine, care a fost usor de gestionat, si, desigur, cortul magnific Moncler, stilpii telescopice inovatoare, a permis francezilor sa se deplaseze liber in intreaga tara.

Croitorie primul brand Moncler jos jacheta este datata 1952. imbracaminte de exterior a fost facuta pentru muncitorii fabricii ca o forma de iarna calda si nu au avut premisele pentru a deveni un fetis de moda in cateva decenii. „Jachete uite forma albastru obisnuita de lucru“ – amintesc cei care au gasit aceste zile. Cu toate acestea, campion Lionel Terre in schi alpin, care tocmai se intorsese dintr-o expeditie in Canada, aceste jachete de gasca in jos deschide noi orizonturi. Dupa primul contact cu Moncler jachete, Terry a observat o proprietate neobisnuita de jachete: cu greutate mica si volum mic, acestea pastreaza caldura foarte bine. citat exact mai tarziu a fost gasit in inregistrarile Ramiyona care apartin Lionel: „! Putem urca la o inaltime, care anterior ar putea doar sa viseze si sa treaca dincolo de cadrul pe care le-am retinut, ieri“. Dupa consecintele grave ale Terra expeditie in 1950, care a dus la degeraturi ale mainilor si picioarelor, el a decis din nou sa cucereasca summit-ul, decizia a fost luata din cauza in jos jacheta cel mai bun prieten – Terre.

La cerere Lionel au fost facute in jos manusi, saci si combinezoane, care ar putea lauda de inalta rezistenta si de retentie de caldura mare de dormit. Din aceasta ordine unica originea linie de imbracaminte „Moncler pour Lional Terray“, consultant si coordonator al care, dupa cum sugereaza si numele, a fost Lionel Terre.

Experienta vasta permite casa de moda Moncler pentru a produce imbracaminte de inalta calitate, timp de 60 de ani de lucru cu mare precizie a seta ciclul de functionare ideal de imbracaminte in jos, a relevat raportul de centimetri patrati in zona si de imbracaminte densitate captuseala pene, este de lucru cu o multime de tesuturi. Jachete Montclair devin haine de zi cu zi, care este potrivit pentru orice tip de petrecere a timpului liber, singura cerinta este in afara sezonului la lucruri de uscare in aer liber. in caz contrar, aceste lucruri sunt perfecte.

La prima giacca in piuma d’oca del brand Moncler risale al 1952. L’abbigliamento da esterno era stato realizzato per i lavoratori della fabbrica come forma di calore per l’inverno e non aveva le premesse per diventare un feticcio di moda in poche decadi. “Giubbotti a forma blu di lavoro” – ricordano coloro che li hanno trovati in quei giorni. Tuttavia, il campione di sci alpino Lionel Terre, appena tornato da una spedizione in Canada, ha aperto nuovi orizzonti con queste giacche d’oca in piuma Moncler. Dopo il primo contatto con le giacche Moncler, Terre ha notato una proprietà insolita delle giacche: leggere e compatte, mantenevano molto bene il calore. Una citazione esatta successivamente è stata trovata nelle registrazioni di Ramiyon appartenenti a Lionel: “! Possiamo salire a un’altezza che un tempo potevamo solo sognare e superare il limite che avevamo fissato ieri”. Dopo le conseguenze gravi dell’expedition di Terra nel 1950, che aveva portato al congelamento delle mani e dei piedi, decise di conquistare di nuovo la vetta, decisione presa grazie alla giacca d’oca in piuma del suo migliore amico – Terre.

Su richiesta di Lionel furono realizzati guanti, sacchi a pelo e tute che potevano vantare un’alta resistenza e una grande capacità di trattenere il calore. Da questo ordine unico ha origine la linea di abbigliamento “Moncler pour Lional Terray”, il cui consulente e coordinatore, come suggerisce il nome stesso, era Lionel Terre.

L’ampia esperienza consente al brand di moda Moncler di produrre abbigliamento di alta qualità, lavorando con grande precisione da 60 anni per impostare il ciclo di funzionamento ideale dell’abbigliamento in piuma, rivelando la densità della zona in centimetri quadrati e la densità della fodera in piuma, lavorando con una varietà di tessuti. Le giacche Moncler diventano abbigliamento quotidiano adatto per qualsiasi tipo di tempo libero, l’unico requisito è l’asciugatura all’aria aperta fuori dalla stagione. In caso contrario, questi capi sono perfetti.

Givenchy

Hubert de Givenchy è nato nel 1927 nella città francese di Beauvais, ma la vera avventura inizia a 17 anni, quando si trasferisce a Parigi. Dopo alcuni anni di apprendistato presso i maestri della couture parigina, il giovane diventa il primo assistente di Elsa Schiaparelli, la grande rivale di Coco Chanel, e inizia a formare la propria opinione sulla moda. Givenchy capisce abbastanza presto che la moda è un organismo vivo e che non può essere confinata dalle barriere delle richieste dell’alta società, ma può essere rivitalizzata attraverso una visione più ampia che la renderà accessibile anche al pubblico più ampio. Nel 1952, Givenchy apre il suo negozio e lancia la prima collezione, chiamata “separates”, composta da bluse e gonne confortevoli, leggere ma estremamente eleganti, e da abiti che arrivano fino al ginocchio. La collezione ottiene un incredibile successo, dimostrando che le donne sono pronte a dimenticare i corsetti e i vestiti sofisticati, abbracciando una filosofia più semplice.

Audrey ha contribuito immensamente alla popolarità della casa di moda Givenchy, il creatore realizzando il guardaroba per la maggior parte dei film in cui l’attrice ha brillato, dall’eclettico “Colazione da Tiffany” ai regali fashion “Sabrina” o “Funny Face”. È stata sempre Audrey ad accettare di essere la prima star-immagine di un profumo, L’Interdit, lanciato da Givenchy nel 1958, dando vita a una vera tendenza che continua a manifestarsi ancora oggi (a differenza delle somme astronomiche che oggi le celebrità richiedono per prestare il loro “volto” a un prodotto cosmetico, l’unico prezzo che Hepburn ha chiesto è stato l’amicizia di Givenchy).

Man mano che il francese diventa sempre più famoso, le sue idee prosperano e nel 1954 scuote l’industria del lusso, lanciando la prima collezione ready to wear di un couturier. Chiamata Givenchy Université, la collezione avrebbe contenuto i capi signature di Hubert, realizzati in massa presso importanti macchine negli Stati Uniti, dove il marchio stava diventando sempre più popolare, in tandem con la fascinazione che l’altro simbolo europeo, Audrey, stava creando.

L’azienda continua a prosperare negli anni: nel 1969, Hubert de Givenchy lancia la prima linea per uomini, seguita dalle collezioni di scarpe, gioielli, cravatte e kimono. Nel 1976, Givenchy ha persino lanciato un’automobile, la Ford Mark.

Valentino

Valentino

Valentino Garavani è nato l’11 maggio 1932 nella regione della Lombardia, nel nord Italia, in una famiglia che fin da piccolo ha incoraggiato il suo amore per la moda. Il grande stilista ha raccontato che sua madre gli ordinava tutti i vestiti da un sarto locale e anche le scarpe erano fatte su misura.

All’età di 17 anni, il giovane Valentino si trasferì a Parigi per studiare, frequentando due delle istituzioni più prestigiose dell’epoca: l’École des Beaux-Arts e la Chambre Syndicale de la Couture Parisienne. Il futuro stilista ha fatto la sua formazione presso Jean Dessès e Guy Laroche (che è diventato anche suo amico), dove ha imparato ad apprezzare la bellezza femminile, la grazia atemporale di un abito e la finezza del lavoro manuale. Valentino ha portato questo spirito di grandeur, quella sontuosità tipica parigina, al suo ritorno a Roma, adattandosi perfettamente allo spirito della Dolce Vita dell’epoca.

Il 1960 è stato l’anno più importante nella carriera del giovane stilista, quando ha incontrato Giancarlo Giammetti, che sarebbe diventato il suo partner d’affari e sarebbe stato al suo fianco fino alla fine della sua vita, anche se non erano stati coinvolti in una relazione fisica per alcuni anni. I due rappresentavano il simbolo della vita lussuosa, venendo soprannominati “i re del buon vivere”, re discendenti da una fiaba le cui principesse indossavano abiti romantici di Valentino.

La prima collezione di Valentino che ha suscitato interesse nel mondo della moda è stata lanciata poco dopo questo “incontro di buon auspicio”. Nel 1962, al Palazzo Pitti di Firenze, l’alta società incontrava il creatore haute couture che rifletteva perfettamente la loro necessità di glamour, ma che capiva anche i loro sogni nascosti e le loro paure.

La fine degli anni ’60 è stata la “periodo bianco” per Valentino; proprio come un altro grande nome dell’epoca, Coco Chanel, anche Garavani ha capito la necessità di svestire la moda del suo carattere pretenzioso e di farla conoscere alla semplicità, utilizzando nella sua collezione del 1967 tonalità di bianco, beige e avorio. La conferma non tardò ad arrivare: l’ex first lady Kennedy, Jackie, scelse un bellissimo abito bianco della collezione del designer per il suo matrimonio con Aristotele Onassis e così sigillò l’approvazione dell’America sulle creazioni haute couture dell’italiano.

Dsquared2

Dan e Dean, gemelli identici nati a Toronto, Ontario, in una famiglia di nove bambini, sono stati affascinati dalla moda fin da piccoli e hanno iniziato a creare abiti per le loro sorelle.

Nel 1983 si trasferiscono a New York per studiare design, e nel 1991 partono per Milano per seguire il loro sogno nel mondo della moda, e ci riescono. Lavorano come designer per la casa Gianni Versace e il marchio Diesel.

Il loro debutto avviene nel 1994 con una collezione rivolta agli uomini, nel 2003 lanciano una collezione per donne e intimo per uomini.

Collaborano con una serie di fotografi famosi come Steven Klein per le campagne pubblicitarie in cui esprimono le loro ideologie e la loro visione personale della moda. Sembra che la loro ricetta sia un successo, così grandi nomi li cercano. I costumi per il video musicale di Madonna “Don’t tell me” sono stati creati da loro, così come 150 pezzi di abbigliamento per il suo tour “Drowned tour 2001”.

Nomni come Britney Spears, Justin Timberlake, Nicolas Cage, Lenny Kravitz e molti altri indossano abiti con il marchio della casa. Nel 2006 sono stati scelti per creare le uniformi ufficiali per la squadra di calcio Juventus. Nel 2008 firmano un contratto con un produttore italiano di occhiali da sole. La collezione ha un grande successo sul mercato nel 2009.

Nel 2003 hanno vinto il premio per il “Men of the year breakout design” e nel 2006 hanno ricevuto il “Golden Needle Award”, unendosi così a una prestigiosa lista di designer come Manolo Blahnik, Jean Paul Gautier, John Galliano, Oscar de la Renta, Gianni Versace e Tom Ford. Il 12 settembre 2009 hanno ricevuto una stella sulla Canada’s walk of fame.

Dan e Dean sono famosi per i jeans a vita bassa. Lo stile sexy, rilassato ma sofisticato, la combinazione tra lo stile canadese e la maestria italiana, la grande attenzione ai dettagli, rappresentano la filosofia odierna della casa Dsquared, con cui hanno dato vita a un concetto unico di lusso alternativo.

I gemelli dividono la loro vita tra Londra e Milano e creano le loro collezioni in Italia: “Nati in Canada, vivono a Londra, fatti in Italia”.